Rancho Canario
  • 09
  • marzo

Cosa mangiare a Tenerife

Non sai dove e cosa mangiare a Tenerife?

Inutile ricordare che trattandosi di un’isola, il pesce è uno degli ingredienti fissi della cucina di Tenerife, sia nel meridione dell’isola che nel settentrione. Al sud sono due i borghi caratteristici di mare, pieni di ristorantini dove i pescatori consegnano i loro bottini di giornata: si tratta del borgo di San Andrés e di quello de Los Abrigos, entrambi in grado di offrire al visitatore il meglio della cucina di mare.

Los Abrigos
Los Abrigos

Non potrete non riconoscere questi posti: le imbarcazioni ormeggiate in riva al mare, i piccoli porti attrezzati per la pesca vi faranno subito capire di essere arrivati nel posto giusto. Il pesce viene cucinato in maniera differente, fritto o alla griglia, o ancora in casseruola accompagnato da erbe aromatiche e dalle patate.

Rancho Canario
Rancho Canario

Accanto al pesce, tra gli ingredienti tipici non mancano la patata, il formaggio, la banana (insieme ad altri frutti esotici che arrivano dalla Spagna), il vino e la carne, comunque molto amata dagli isolani, principalmente quella di capra e coniglio. Tra le ricette tipiche di quest’isola si trova il Rancho Canario, un piatto completo composto da carne di maiale e pollo, patate, cipolla, aglio, zafferano ed erbe aromatiche, molto spesso servito con uno stelo di tagliatelle ricoperte da una frittata di salsicce.

E ancora il puchero, una minestra di verdure e carne di maiale; il pollo mojado, fritto; la papa arrugada ovvero la patata lessata con la buccia e ricoperta di acqua e sale, servita con due salse, il mojo verde (fatta con olio, aglio e coriandolo) e il mojo picòn (piccante, fatta con il peperoncino rosso).

Pucchero
Pucchero

I pasti sono sempre accompagnati dal vino molto amato sull’isola: Tenerife da sola vanta il 50% della produzione di vino in tutte le isole Canarie. Se in passato il vino più prodotto e più bevuto era quello “passito” (come il Malvasia), oggi invece primeggiano i vini bianchi, rossi e rosati, molto amati dai giovani. Le zone di maggiori produzioni dei bianchi sono “Orotava”, “San Miguel”, “Arico” e “Guimar”, mentre per quanto riguarda i vini rossi vengono prodotti nei pressi di “Tacoronte-Acentejo”; i rosè sono tipici invece della zona di “La Guancha”.

LEAVE COMMENT